IL CENTRO ASCOLTO MOBBING E STALKING DELLA UIL DI LECCE RIMANE AL FIANCO DI CHI HA BISOGNO DI AIUTO SI RICEVE SU APPUNTAMENTO E ANCHE VIA SKYPE

 In questo periodo delicato di emergenza sanitaria, l’attività di prevenzione e di sostegno del Centro Ascolto Mobbing e Stalking della Uil di Lecce non può fermarsi.

“Le misure di contrasto e contenimento al diffondersi del virus COVID- 19 ci costringono a cambiare la nostra routine organizzativa – spiega la responsabile Ilenia Maruccia – ma restando sempre al fianco di chi ha bisogno del nostro aiuto. Siamo consapevoli, considerate le maggiori richieste di aiuto che in questi giorni stiamo ricevendo dal nostro territorio, che per alcune donne rimanere a casa significa esporsi ancor di più al rischio di subire violenze fisiche o psicologiche. E per i lavoratori e le lavoratrici che stanno subendo mobbing, in questa situazione potrebbero aumentare i rischi per la tenuta e la tutela del loro posto di lavoro. Per tutte queste ragioni, il Centro di Ascolto Mobbing e Stalking della Uil di Lecce rimarrà aperto, ma riceveremo solo per appuntamento (rispettando le prescrizioni per il contenimento del virus), anche con consulenze on line via skype”.

“Per chi ne avesse bisogno – prosegue – abbiamo predisposto tramite i nostri psicologi anche un vademecum per la gestione dell’ansia e dello stress. Il compito richiesto è più difficile per tutti noi ma sono certa che, offrendo il necessario sostegno, possiamo contribuire a superare questo momento complicato per il Paese”.

Il Centro Ascolto Uil Mobbing e Stalking è sito in via P. Palumbo n. 2 a Lecce, per informazioni e richieste di supporto contattare il recapito telefonico 3357466926, oppure tramite indirizzo di posta elettronica lecce-mobbing@uil.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.