COVID-19 – D’ATTIS (F.I.): PRIME IMPORTANTI RISPOSTE DA ENEL ED ENI. PRONTI INTERVENTI PER LA PUGLIA, BRINDISI E TARANTO IN PARTICOLARE

Le sollecitazioni che io e la collega Vincenza Labriola abbiamo inviato ad Eni ed Enel hanno sortito l’effetto desiderato.
L’Enel è già pronta a finanziare interventi in favore della sanità pubblica pugliese, con particolare riferimento a Brindisi, come da noi richiesto, dove saranno concretizzati anche aiuti diretti alla città.
Ad Eni avevamo chiesto di destinare parte dei 30 milioni, stanziati a livello nazionale per l’emergenza COVID, alla Puglia e in particolare a Brindisi e Taranto.
L’Eni, quindi, su nostro suggerimento, ha contattato il direttore generale dell’Asl Giuseppe Pasqualone e il sindaco di Brindisi Riccardo Rossi. Sono state programmate forniture di numerosi respiratori e di lettini per la rianimazione, oltre ad altri presidi sanitari per fronteggiare la grave emergenza in atto. Di tutto ciò io e l’on. Labriola siamo stati informati preliminarmente e la risposta ufficiale arriverà nei prossimi giorni.
Per quanto riguarda Taranto, invece, l’Eni è in attesa di conoscere dall’Asl jonica quali sono le reali esigenze, sulla base del piano Covid, in maniera tale da poter concretizzare l’intervento. Auspichiamo, in questo senso, che l’Asl jonica risponda con prontezza alle sollecitazioni di Eni poiché la sanità tarantina non può essere lenta.
Questa disponibilità manifestata da Enel ed Eni consente di ipotizzare aiuti concreti anche da altre grandi aziende presenti sui territorio di Brindisi e Taranto.
On. Mauro D’Attis (F.I.)


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.