Giovani Democratici: Petizione On-Line per Chiedere alla Regione il congelamento ed il rimborso degli Abbonamenti per i Trasporti

Il nostro Paese sta affrontando un’emergenza sanitaria senza precedenti causata dal diffondersi su tutto il territorio nazionale dell’epidemia COVID-19, con notevoli ricadute negative sull’economia delle famiglie italiane.

Tra le categorie colpite c’è quella degli studenti pendolari che all’inizio del mese di Marzo 2020 hanno acquistato abbonamenti per mezzi di trasporto, quali autobus e treni, per raggiungere la sede di studio e che, a causa della chiusura di scuole e università fino al 3 Aprile 2020, salvo proroghe, non lo hanno utilizzato.

Ne deriva un danno economico per gli studenti, che va ad aggravare la situazione spesso già precaria di tanti nuclei familiari in questa emergenza.

Per questo chiediamo che la Regione Puglia si attivi per prevedere il rimborso dei titoli di viaggio mensili acquistati dagli studenti pendolari o, laddove non sia possibile il rimborso, che si attivi per prevedere – di concerto con i concessionari del servizio pubblico locale – sconti o recuperi sul costo degli abbonamenti che saranno attivati al termine dell’emergenza.

Ciao, io ed altri amici abbiamo lanciato questa petizione rivolta alla Regione Puglia con la quale chiediamo il congelamento o il rimborso degli abbonamenti del mese di marzo per gli studenti pendolari che sono stati interessati dal blocco delle attività didattiche imposto per contrastare il contagio da COVID-19.
Abbiamo indirizzato la nostra richiesta al Presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, e agli assessori Giannini e Piemontese.

Dacci una mano, firma questa petizione. Facciamo squadra! Basta poco, lotta assieme a noi

 


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.