Pdl emergenza Covid-19. M5S: “Delusi dalla discussione in Commissione. Votato a favore per responsabilità verso i più deboli”

“Dispiace che anche in una situazione di emergenza come quella ci troviamo ad affrontare, il primo pensiero di destra e sinistra sia andare contro il M5S, anche se questo vuol dire penalizzare i pugliesi.

Siamo delusi dalla discussione avvenuta in I Commissione, dove è stato chiesto di ritirare gli emendamenti alla proposta di legge in esame, per mantenere il testo il più possibile generico e rivolto agli ultimi. Responsabilmente ne abbiamo ritirati due su tre per venire incontro a questa richiesta e l’unico per il quale abbiamo chiesto di procedere al voto era per stanziare risorse per le attività per garantire la continuità assistenziale alle persone disabili, dal momento che sono bloccati i buoni servizio. Emendamento bocciato con la scusa che avrebbe dovuto essere ritirato come chiesto in apertura di commissione, a differenza di altri che invece sono stati approvati. Evidentemente il ragionamento fatto è stato un altro. Noi invece abbiamo votato a favore degli emendamenti del centrodestra e dell’intero testo perché questo è il momento di dare ascolto a categorie più deboli che lo chiedono a gran voce”. Lo dichiara la consigliera del Movimento Cinque Stelle Antonella Laricchia a margine della seduta della I Commissione in cui è stata approvata la proposta di legge “Misure straordinarie per fronteggiare le conseguenze socio-economiche derivanti dalla pandemia Covid-19”.

“Gli emendamenti ritirati – continua Laricchia – erano rivolti a famiglie e imprese. Il primo prevedeva che i contributi ai Comuni potessero essere usati per gli asili nido. La sospensione dei servizi scolastici ha infatti portato alcuni gestori degli stessi  a sospendere le rette mentre gli affitti e le utenze incombono ancora, con il rischio di compromettere la ripresa delle attività e del servizio utilissimo per molte famiglie e molte donne. Per raccogliere il grido di allarme di molte imprese e operatori sanitari,  permettendo alle prime di produrre dpi e mascherine utili ai secondi, avevamo proposto che la Regione pagasse i costosi test per le certificazioni dei materiali nelle more che il Politecnico di Bari diventi laboratorio di test esso stesso. Emendamenti che abbiamo ritirato per senso di responsabilità, ma che ripresenteremo in Consiglio quando verrà esaminata la proposta di legge”.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.