Torre Santa Susanna. Avevano messo in piedi un’attività di gestione non autorizzata di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi, denunciati. Sequestrati un’area di 600 mq e un autocarro.

A Torre Santa Susanna, i Carabinieri della locale Stazione, congiuntamente ai militari del Nucleo Operativo Ecologico di Lecce, a conclusione degli accertamenti, hanno denunciato in stato di libertà una 64enne di Torre Santa Susanna e un 43enne residente a Guagnano (LE), per i reati di gestione non autorizzata di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi e ricettazione.

i controllo del territorio, è stato notato dai Carabinieri mentre scaricava dei rifiuti ferrosi da un autocarro, all’interno di un’area prospiciente la propria abitazione.  Dopo aver scaricato, il 41enne usciva dall’area a bordo dell’autocarro e si dirigeva verso San Pancrazio Salentino. Successivamente veniva fermato dai Carabinieri che rinvenivano nel cassone dei rifiuti speciali, costituiti da una lavatrice, alcune batterie al piombo, pannelli metallici, parti di condizionatori fuori uso, cavi elettrici, RAEE (rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche) ed imballaggi metallici. A questo punto  veniva controllata l’area dove il 43enne aveva scaricato  i rifiuti, nel comune di Torre Santa Susanna, e si accertava l’esistenza di un’area di circa 600 mq con presenti diverse tipologie di rifiuti speciali depositati sul nudo terreno, quali vetro, legno, plastiche varie, rifiuti ferrosi e non ferrosi, nonché tre autocarri con il cassone carico di rifiuti. Accertata la mancanza di  autorizzazione allo stoccaggio o alla gestione dei rifiuti speciali pericolosi, si procedeva alla denuncia del 43enne e della 64enne (quest’ultima proprietaria dell’area) ed al sequestro dell’area, nonchè alla contestazione della violazione per aver realizzato, depositandoli in maniera incontrollata, uno stoccaggio di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi in un’area non autorizzata a riceverli. L’autocarro utilizzato per trasportare e scaricare i rifiuti è stato anch’esso sottoposto a sequestro.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.