Regionale 8, Turco (SC): “No a speculazioni sull’opera strategica perTaranto. Si lavori celermente per impegno dei fondi.”

“Sulla Regionale 8 Taranto-Avetrana occorre il lavoro e il buonsenso di tutti per evitare possibili disimpegni e riutilizzi per altre finalità.

E taluni rappresentanti delle forze di opposizione che in queste ore già danno per certo tale addio all’opera per far spazio all’emergenza covid-19, farebbero meglio a informarsi e a prodigarsi affinché attraverso gli strumenti amministrativi a nostra disposizione, l’infrastruttura sia portata a compimento velocizzando il rilascio di pareri e autorizzazioni con conseguente impegno di spesa. Le due condizioni essenziali che davvero eviterebbero questo paventato scenario di rimodulazione dei fondi.  

Ricordo a tutti che sotto il mandato di Michele Emiliano, eravamo nel 2016, e dopo numerose sollecitazioni tra cui anche le mie, è stata finalmente portata a compimento la progettazione esecutiva della Regionale 8, dopo circa 30 anni di immobilismo e di false promesse. Parliamo di 240 milioni di euro per realizzare un’arteria che sarà un volàno di sviluppo economico per l’intera fascia costiera. E in una fase post-coronavirus in cui tutti saremo chiamati a ricostruire il sistema Italia sulle macerie sanitarie, anche opere come la Regionale possono, anzi devono, diventare un punto di ripartenza per occupazione, economia e indotto.

Certo, se perdiamo ulteriore tempo e non velocizziamo l’iter di impegno delle risorse rischiamo davvero la rimodulazione dei fondi e la loro destinazione, come da accordi europei, sull’emergenza covid-19. Per la quale la Regione è già impegnata con ottimi risultati.

Questo è quindi il momento di unire le forze, di mettere in campo tutte le competenze di Regione, Provincia e Comuni, affinché si garantisca da un lato la riuscita dell’opera e contemporaneamente dall’altro la gestione dell’emergenza sanitaria in corso. Ma senza confondere i due diversi capitoli di spesa e campi di azione. Inoltre, si evitino strumentalizzazioni, per meri calcoli elettorali, sulla situazione relativa al nuovo ospedale San Cataldo di Taranto, per il quale l’impegno economico già sussiste e i fondi non possono essere assolutamente disimpegnati. L’unico ostacolo è solo l’iter bloccato da un contenzioso per l’affidamento della gara”.

Lo dichiara il consigliere regionale di Senso Civico – Un Nuovo Ulivo per la Puglia, Giuseppe Turco.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.