IL POLO “MESSAPIA” ATTIVA LO SPORTELLO DI ASCOLTO A SOSTEGNO DI STUDENTI E FAMIGLIE

L’Istituto scolastico “Ferraris De Marco Valzani” – Polo MESSAPIA ha accolto il grido d’allarme che scandisce l’assordante immobilismo dell’era Covid-19 e ha attivato, in modalità telematica, un servizio di supporto psico-pedagogico specialistico offerto a studenti, famiglie e agli stessi docenti, spesso sottoposti a tecnostress da superlavoro informatico:

un esperto psicologo-pricoterapeuta, già impegnato a Scuola durante le attività in presenza, su richiesta di docenti e alunni, potrà intervenire, in modalità telematica, in incontri di gruppo per classe, ma anche incontrare gli studenti in sedute individuali attraverso lo “Sportello di ascolto”, che si è rivelato utilissimo a sostenere tanti giovani alle prese con esperienze troppo dolorose per essere affrontate e superate dall’inesperienza e dalla fragilità della loro giovane età e dall’emergenza educativa imperante.

Dopo 8 settimane di “quarantena forzata” in cui tutti gli studenti hanno dovuto cercare una nuova dimensione alla propria quotidianità, rinunciando alle relazioni fisiche che accompagnano tanto tempo del loro “fare scuola”, nutrito di socialità, confronti, sorrisi, abbracci, ecco che l’incertezza del domani e il vuoto esistenziale ha generato turbamento, disorientamento, paura e una profonda solitudine.

“Se già la vita di tanti giovani è difficile nella normalità, – dichiara il dirigente scolastico Rita Ortenzia De Vito- ora la pressione psicologica e lo stress emotivo è diventato insostenibile per tanti ragazzi, con il rischio di ritrovarci a settembre con l’arduo compito di “raccogliere i cocci” e lavorare al lento recupero di quella “normalità” tutta da reinventare”.

La Scuola dunque, che non è trasmissione asfittica di conoscenze, ma luogo preposto alla formazione umana e sociale dell’individuo prima e del cittadino poi, non può restare sorda a tanta richiesta di aiuto che proviene dagli stessi ragazzi e dalle loro famiglie, impotenti di fronte ad un “male oscuro” che spegne i sogni e le speranze del nostro futuro. Una riflessione, questa, che non può lasciare indifferente non solo il mondo della Scuola, ma la collettività tutta.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.