TURISMO, FDI: STOP BOLLETTE AQP PER TUTTO IL 2020 PER GLI OPERATORI

La richiesta alla Regione dei consiglieri regionali di Fratelli d’Italia Erio Congedo, Giannicola De Leonardis, Luigi Manca, Renato Perrini, Francesco Ventola e Ignazio Zullo

“Stop alle bollette dell’Acquedotto pugliese per tutto il 2020 per alberghi, villaggi, camping, ristoranti, bar, stabilimenti balneari, agenzie viaggio, organizzatori di eventi. Sia per il pagamento corrente sia quelle non pagate per le quali è stato già previsto un piano di rateizzazione. E’ ciò che chiediamo al presidente Emiliano in qualità di socio unico dell’ente. Chiaramente prevendo poi un ritorno alla normalità – e quindi al saldo del consumo non pagato nel 2020 – dal 1 gennaio 2021 con rate più agevoli e a lungo termine. Inoltre immaginando il bagno di sangue dal punto di vista economico per l’anno in corso si chiede un’eventuale riduzione dei costi per i prossimi due anni 2021 e 2022.

“Una richiesta che nasce dal perdurante stato di incertezza determinato dalle restrizioni legate alla diffusione del Covid-19 che ha letteralmente messo in ginocchio l’economia turistica regionale. Tutti gli operatori, nessuno escluso, stanno facendo i conti delle perdite avute e quelle ancor più gravi che si prospettano per il futuro, con la stagione estiva che sembra compromessa. In tal senso si preannunciano danni ingentissimi, non solo per i mancati introiti, ma anche per i rimborsi di anticipi già incassati. Si rendono perciò urgenti e necessari interventi di sostegno della Regione Puglia nei confronti di questi operatori per questa inaspettata crisi che ha colpito drammaticamente il settore”.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.