L’unione degli studenti di brindisi per il 25 aprile

Sappiamo che questo 25 aprile non potrà essere festeggiato, come ogni anno, scendendo in piazza per celebrare il ricorrente 75° anniversario della Liberazione italiana a causa della quarantena che tutti noi stiamo rispettando.
Ma una data così essenziale non può essere lasciata passare inosservata.


L’Unione degli Studenti di Brindisi ha deciso di rendere omaggio alla lotta della Resistenza italiana e alla liberazione dall’occupazione nazi-fascista aderendo alla fotopetizione dell’ANPI (con l’hastag #bellaciaoinognicasa) e preparando un video sulle note della canzone “Bella ciao”, dove ogni ragazzo mostra un verso del brano su un foglio di carta.”Come sindacato studentesco, troviamo essenziale la figura dello studente nella lotta antifascista. È dalla scuola che si basano la cultura e i saperi del tessuto sociale di un paese, e noi studenti siamo a tutti gli effetti gli adulti di un domani sempre meno lontano. La migliore arma contro il fascismo è l’istruzione e la consapevolezza data dalla conoscenza, e la nostra è un età cruciale poichè chiave nella formazione e nel bagaglio culturale che si ritroveranno gli uomini e le donne che saremo.
Abbiamo la responsabilità, in un momento di crisi come questo, dove i neo-fascismi e i neo-nazismi stanno effettivamente tornando a galla, prendere una posizione chiara e decisa per dare un impatto sociale significativo. Noi come UDS ci scheriamo al fianco della libertà e della tolleranza, e aggiungiamo le nostre voci ad un canto che speriamo riesca a comprendere l’Italia intera e che ha sempre rappresentato la libertà e il sacrificio per essa: Bella ciao.”


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.