MORTALITA’ PUGLIA, ON.GEMMATO (FDI):”IN ASSENZA DI RISPOSTE CHIEDERÒ COMMISSIONE PARLAMENTARE D’INCHIESTA O INDAGINE CONOSCITIVA”

Sto per depositare un’interrogazione per chiedere al Governo e al ministro della Salute Roberto Speranza come mai in Puglia c’è un +8.7% di decessi riferiti al mese di marzo, dato quattro volte più alto di quello del Mezzogiorno.


I dati forniti dall’Istat e dall’Iss sul tasso di mortalità in Puglia sono impietosi e ci raccontano ciò che Fratelli d’Italia aveva compreso già da tempo: una discrepanza nell’andamento delle percentuali dei decessi, in barba a quanto raccontato in pompose conferenze stampa e bollettini.
Cosa ha ucciso decine di pugliesi, tanto da “elevare” il dato pugliese alla media delle regioni del centro Italia, ed a primo tra le regioni meridionali, non è chiaro.
Destrutturazione dell’assistenza territoriale con danni per tutti i pazienti, anche i non affetti da COVID19? Tamponi non effettuati? Mancata diagnosi di morti per coronavirus? Malattie di altro genere? Comorbidità? Considerato che meno di un terzo dei decessi è riconducibile al Covid-19, cos’è successo ai restanti due terzi? Chi di competenza dovrà rispondere e fare chiarezza e dovrà farlo subito.
Qualora non dovessero arrivare risposte concrete e certe a questi quesiti, formalizzerò la richiesta di una Commissione parlamentare di inchiesta sul tema o, in subordine, in XII Commissione Affari Sociali e Sanità della Camera dei deputati la richiesta di un’indagine conoscitiva al fine di identificare la filiera delle responsabilità.

Così Marcello Gemmato, deputato pugliese di Fratelli d’Italia e segretario commissione Affari sociali e Sanità alla Camera dei Deputati.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.