Ambulanti e commercio, FdI: “Lo chiediamo da settimane, Emiliano riceva i rappresentanti delle categorie. Rischio bomba sociale e sanitaria”

La richiesta dei consiglieri regionali di Fratelli d’Italia Erio Congedo, Giannicola De Leonardis, Luigi Manca, Renato Perrini, Francesco Ventola e Ignazio Zullo

“Come già anticipato da Fratelli d’Italia dieci giorni fa, le scene che ci arrivano da alcune città pugliesi -ultima oggi a Lecce, davanti a Palazzo Carafa- dove gli ambulanti ed altre categorie del commercio scendono in strada per chiedere una soluzione che consenta loro di ripartire, preannunciano una bomba sociale oltreché sanitaria. Rinnoviamo quindi l’appello al governatore Michele Emiliano affinché si faccia carico di ascoltare le istanze che giungono da tutti gli operatori del commercio, del mercato in aree pubbliche ed ambulanti, organizzi un incontro con i rappresentanti delle categorie e definisca con loro una linea che coniughi diritto alla salute e tutela del lavoro.

“È un’azione che va intrapresa immediatamente, perché è di tutta evidenza che le numerose proteste porterebbero allo stesso risultato di una riapertura scriteriata, che tutti noi vogliamo scongiurare. Linee chiare e definite, regole precise e riapertura in forma limitata per ciascuna categoria, con l’obbligo di utilizzo dei dispositivi di sicurezza, di distanziamento sociale e nel rispetto di tutte le norme di prevenzione del contagio”.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.