AMBULANTI – ROMANO (SENSO CIVICO): REGIONE DISPONIBILE A RIAPRIRE I MERCATI. MA L’ANCI GARANTISCA LA DISPONIBILITA’ DI TUTTI I SINDACI!

Così come da noi auspicato, la Regione Puglia ha confermato, alle parti interessate, la disponibilità a riaprire i mercati, sia pure in condizioni di estrema sicurezza. Esiste, in tal senso, un impegno formale che dovrà essere tradotto in una apposita ordinanza del Presidente Emiliano.

E’ opportuno, però, lanciare un monito all’ANCI (Associazione dei Comuni) affinché tutti i sindaci di Puglia si adeguino alle decisioni assunte, consentendo agli ambulanti di svolgere la propria attività. Non  avrebbe senso, infatti, riaprire i mercati in alcuni comuni ed in altri lasciarli chiusi.
 
Una disponibilità a far ripartire anche questa fetta di economia che dovrà riguardare anche chi opera nelle nostre periferie con paninoteche, bancarelle di frutta secca, di dolciumi e di altri prodotti alimentari di largo consumo, soprattutto durante la stagione estiva.
 
E in ogni caso, è ben chiaro che gli ambulanti da soli non potranno farcela. Bisogna spalmare negli anni le tasse comunali in pagamento quest’anno e cancellare Tari e Tosap del 2020. I Comuni, ovviamente, dovranno essere risarciti per far quadrare i propri bilanci, ma sarà compito dello Stato e anche della nostra Regione. Del resto, sono state stabilite forme di ristoro, destinate ai comuni, per innumerevoli servizi ed è chiaro che occorre occuparsi anche di questa categoria di operatori economici. Necessitano, insomma, risposte immediate per non far finire tanta gente nella disperazione più totale.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.