Usca. M5S: “La Regione cerca di scaricare sui medici la sua disorganizzazione e i suoi ritardi”

“Siamo abituati ai continui scaricabarile della Regione per cercare di giustificare i suoi fallimenti. Quello delle Unità Speciali di continuità Assistenziale per la gestione domiciliare dei pazienti con Covid -19 è solo l’ennesimo caso.

Si cerca di incolpare i medici di continuità assistenziale per la scarsa partecipazione al bando per la costituzione delle USCA, quando la verità è che la colpa è della disorganizzazione regionale in fase di reclutamento del personale, oltre che dei ritardi della nell’attuazione del DPCM del 9 marzo, che ha fatto sì che molti professionisti pugliesi siano andati in altre regioni. Anche per quello che riguarda i Dispositivi di protezione non si ha alcuna certezza. Emiliano continua a dire che ci sono in numero sufficiente, ma vorremmo una mappatura precisa, perchè di annunci ne abbiamo sentiti fin troppi. Il dato reale è che la Puglia, come sempre è ferma, mentre nel resto d’Italia si è già partiti a pieno regime”. Lo dichiarano i consiglieri del M5S Antonella Laricchia, Marco Galante e Grazia Di Bari.

“Un caso emblematico – continuano i pentastellati – è quello della Asl di Bari, dove oggi sono state attivate le prime 4 USCA delle 9 totali organizzate, numero di gran lunga inferiore a quello inizialmente previsto da Montanaro. Dopo la pubblicazione del bando il 23 marzo, avevano aderito più di 120 medici. Il 22 aprile è stata pubblicata la relativa graduatoria di merito e il 4 maggio, ovvero una settimana dopo la data prevista e annunciata dalla Regione per la partenza su tutto il territorio regionale delle USCA, i professionisti sono stati convocati nella sede della Asl per la firma dell’accettazione degli incarichi, con decorrenza degli stessi a partire dal 7 maggio. Il giorno successivo i  medici sono stati nuovamente convocati  per sottoporsi al tampone prima di entrare in servizio. Il 6 maggio la nuova comunicazione con la rettifica della data della partenza dal 7 all’11 maggio. Insomma poche idee e ben confuse. Dopo tutto questo come si può pretendere che i medici si fidino della Regione? I medici di continuità assistenziale sono presidi di salute sui territori e dovrebbero essere ringraziati, non accusati solo perchè pretendono trasparenza e chiarezza per poter combattere contro il Covid -19”.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.