AUDIZIONE PROTEZIONE CIVILE, ZULLO: LERARIO HA DETTO CHE CI SONO DPI A VOLONTA’… E ALLORA PERCHE’ RSA, MEDICI DI BASE, DIRETTORI DI DISTRETTO NON NE HANNO?

Le perplessità del capogruppo regionale di Fratelli d’Italia, Ignazio Zullo

“C’è stato un momento nel quale mi sono chiesto: ma sono un consigliere regionale all’audizione del dirigente della Protezione civile Puglia o un docente a una seduta di laurea con il laureando Lerario?  Perché quanto detto dal dirigente regionale è sicuramente una tesi di laurea con lode ma al di là del racconto dell’emergenza, poche risposte esaudienti rispetto alle aspettative che i nostri bisogni di informazione necessitano.

“Ma su una cosa è stato puntuale Lerario: i DPI ci sono e in quantità! Allora Emiliano ci spieghi perché le RSA-RSSA del barese vanno all’ospedale Di Venere, presidio individuato per la distribuzione dei DPI, per prendere i DPI prenotati e trovano solo le mascherine chirurgiche quando necessitano anche di FFP2, guanti, tute, calzari ecc…Perché molti medici di medicina generale lamentano la mancata fornitura di DPI? Perché vengono sospese dai Direttori di Distretto le visite specialistiche domiciliari? Perché non sono ancora attivi gli ambulatori specialistici distrettuali?

“Insomma la Puglia ha impegnato 55 milioni di euro per l’acquisto di DPI, ne ha già liquidato 28, i DPI sono in magazzino secondo Lerario, ma gli operatori sul fronte se vogliono possono ottenere solo mascherine chirurgiche.

“Ed Emiliano? Ah, sta dalla D’Urso, che bello Michele, quanto è bravo Michele! Povera Puglia!”


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.