Cobas Brindisi:risposta alla fiom cgil sulla protesta dema

Il Sindacato Cobas apprende con dispiacere di un comunicato stampa a firma del segretatio della Fiom Cgil Angelo Leo , contro la nostra proposta di realizzare unitariamente una iniziativa simbolica da Brindisi a Bari per la possibile perdita di 300 posti di lavoro del gruppo Dema a Brindisi ,negli stabilimenti Dema , Dar e Dcm(ex Gse).

La nostra è una proposta rivolta a tutti gli altri al fine di condividerla e realizzarla con  un fronte sociale quanto più largo possibile.

Ci rammarica il fatto che il signor Angelo Leo, segretario della Fiom Cgil, non sappia leggere oppure deformi la realtà per un proprio tornaconto sindacale.

Per questo lo invitiamo ad andare di nuovo a scuola prima di aprire bocca oppure di non raccontare chiacchiere.

Intanto la proposta di manifestazione ha  già ricevuto attestati di solidarietà da parte di Consiglieri Regionale e Deputati nazionali .

Questi rappresentanti istituzionali  aderiscono e parteciperanno alla costruenda  iniziativa .

Il Cobas in questi giorni raccoglierà le adesioni ,farà le necessarie richiesta alla Questura, valuterà accuratamente   le condizioni per un suo svolgimento.

Dovremo seguire tra l’altro anche il rispetto delle nuove  leggi sul Covid-19.

Parlare di provocazione da parte del Cobas purtroppo  viene da un linguaggio antico che credevamo ormai cancellato .

 Ci sembra fuori luogo e da cretini visto che questo personaggio  non conosce nemmeno le leggi sulle manifestazioni che parlano di   comunicazioni alla Questura almeno   tre giorni prima delle manifestazioni.

Il Cobas sta verificando la possibilità di questa protesta che né la Cgil né chiunque altro potranno toglierci  come  prerogativa di una sua possibile realizzazione.

Il Cobas mantiene la barra dritta e valuterà insieme ai lavoratori il possibile svolgimento e le sue forme.

Intanto la notizia  delle convocazioni di incontri in settimana la Fiom  le sventola come fossero sue ;

questi incontri sono anche figli del Cobas che interagisce a 360 gradi con Governo Nazionale e Regionale e forse anche più di qualcuno.

Avrebbe fatto maggiore figura il signor Angelo Leo nel dire che  la proposta di iniziativa di protesta non interessa il suo sindacato, invece di raccontare bugie sul conto del Sindacato Cobas.

Questi comportamenti ci portano a dire del basso livello toccato dal sindacato Brindisino.

Hanno paura evidentemente di perdere tessere ed il loro posto di lavoro.

Il Cobas vuole solo il bene dei lavoratori e della città e continuerà a gridare …. Alziamo la testa!!!

 

Per il Cobas Roberto Aprile


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.