Una piccola minoranza di delinquenti e imbecilli non può rovinare la bella immagine di Brindisi in ricordo di Melissa e in nome della legalità.

La “Brindisi vera” non è quella di chi ( e non è la prima volta che succede) vandalizza una scuola, offende la valenza di un “ centro vitale di valori, cultura, moralità, condivisioni, promozione quotidiana di iniziative e manifestazioni improntate al consolidamento della legalità “.

No, è solo una minoranza di “ pseudo cittadini”, “persi” chissà dove, alla ricerca di un qualcosa che ( nella loro testa) dovrebbe esaltarli, ma è solo “ negatività, inconcludenza umana, perdizione morale “.

Quanto è avvenuto alla scuola Mameli al quartiere Paradiso è ( ancora una volta) un qualcosa di inqualificabile ( a dir poco….), non commentabile ulteriormente. Ma, appunto, la “ Brindisi vera” , fatta dalle persone per bene, si ribella, denunciando, agendo, “ chiamando a raccolta” la rete sinergica di pensieri virtuosi e azioni concrete che, puntualmente, è stata ed è l’ arma vincente nell’ emergenza CoronaVirus .

Emblematiche le dichiarazioni del Sindaco di Brindisi Riccardo Rossi, che nelle sue parole rappresenta la comunità brindisina, tutto il livello istituzionale, una politica che, di fronte a queste brutte e inaccettabili vicende, lascia da parte le polemiche e differenti appartenenze politiche . “ Non è solo un atto vandalico quello subito dalla scuola Mameli, ma un vero atto di sfida e purtroppo sfiducia verso il mondo della scuola e ciò che essa rappresenta. Insieme al Questore Ferdinando Rossi , alla dirigente professoressa Marina Nardulli, all’ Assessore Isabella Lettori , abbiamo visitato la scuola . Hanno rubato due computer, distrutto il laboratorio informatico, buttato a terra qualsiasi cosa abbiano incrociato, anche le tele dipinte dai ragazzi , ma soprattutto hanno lasciato scritte sui muri ingiurose , minacciose e offensive nei confronti della scuola e degli insegnanti.
Quando accadono queste cose quello che possiamo fare è rialzarci e unirci.

A questa scuola destineremo investimenti per le infrastrutture ma occorre di più.

Rivolgo il mio appello alla comunità civile, agli abitanti del quartiere Paradiso, al mondo della parrocchia, alle associazioni: tutti e tutte dobbiamo lavorare per colmare questa frattura, dobbiamo comprendere in profondità quanto accaduto e ricucire ogni pezzetto di fiducia.

La scuola è un bene comune, lavoriamo insieme “.

Già , quel bene comune, il senso della legalità, della solidarietà e della condivisione, emersi durante l’ iniziativa, all’ esterno del Morvillo Falcone, in ricordo di Melissa Bassi, una splendida e sorridente ragazza strappata alla vita da un “ delinquente psicopatico” che , pian piano, “morirà” di colpe, rimorsi, quella pazzia devastante che ha distrutto i sogni di questa ragazza e della sua famiglia.

Ecco, la “ Brindisi vera”, virtuosa, coraggiosa, onesta, sinergica, che lotterà sempre contro quella “ minoranza di delinquenti e imbecilli” che verranno, sempre, isolati.

C’è ancora molto da fare, sotto il profilo sociale, economico, occupazionale, ambientale, ma la “ nostra Brindisi” ce la può fare, anzi ce la farà…..

 


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.