Pubblica Amministrazione, Macina (M5S): “42 milioni per il rafforzamento dei piccoli comuni” 84 i centri interessati in Puglia.

La deputata brindisina lavora per lo snellimento della PA

Roma, 21 maggio – “Un’opportunità, rivolta anche agli 84 piccoli comuni della Regione Puglia, per acquisire risorse allo scopo di migliorare i servizi offerti ai cittadini, potenziare la gestione del personale, rafforzare lo smart working e sviluppare nuove competenze”. Così la deputata brindisina Anna Macina (M5S) che, per competenza di Commissione, è al lavoro per snellire e migliorare la Pubblica Amministrazione. “Con Decreto – continua – del Capo Dipartimento della funzione pubblica del 20 maggio 2020 è stato approvato il progetto ‘Rafforzamento della capacità amministrativa dei Piccoli Comuni’ e il relativo Avviso per la manifestazione di interesse da parte dei Comuni con popolazione inferiore ai 5.000 abitanti (i cosiddetti ‘piccoli comuni’). Vogliamo intervenire infatti per dare un sostegno a quelle realtà già gravate da carenze finanziare e di organico, acuite con l’emergenza Coronavirus. I fondi a disposizione in tutta Italia ammontano a 42 milioni di euro. Queste risorse potranno essere utili per smaltire i tempi dei procedimenti burocratici, supportare la gestione degli appalti pubblici e migliorare l’organizzazione del personale. Anche la Ministra per la Pubblica Amministrazione Fabiana Dadone sta profondendo il massimo impegno nell’obiettivo di rendere più efficiente la macchina amministrativa dello Stato. Il nostro Paese – conclude la deputata – non lascia indietro nessuno e tiene in massima considerazione anche le realtà dei piccoli comuni, perché a tutti i cittadini devono essere garantiti i migliori servizi”.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.