A.M.P. TORRE GUACETO: SEQUESTRATA UNA STRADA REALIZZATA IN AREA PROTETTA

Il giorno 19 maggio scorso, personale del Nucleo Operativo di Polizia Ambientale della Guardia Costiera di Brindisi ha individuato e posto in sequestro un strada realizzata all’interno del sito della Riserva Naturale dello Stato ed Area Marina Protetta di Torre Guaceto.


L’attività è scaturita da un mirato controllo disposto dal Comando della Capitaneria di Porto di Brindisi, a seguito della comunicazione di avvio dei lavori di bonifica e ripristino della naturalità su un’area demaniale in località Penna Grossa che, a giugno 2016, nel corso di analoga attività ambientale, fu oggetto di sequestro da parte degli stessi militari che, in quella circostanza, rinvenirono diverse tonnellate di rifiuti edili inerti, sversati ed accatastati su preesistenti rovine di manufatti crollati e, sulla quale, grava tutt’ora un procedimento penale. La Guardia Costiera ha appurato che, la ditta affidataria dei lavori di bonifica del sito in sequestro, regolarmente commissionati dal Comune di Carovigno, allo scopo di consentire il transito dei mezzi da e per il cantiere, aveva realizzato una strada tramite uno scavo e successivo riempimento con materiali inerti da cava. Constatate diverse difformità tra gli atti autorizzativi presenti e lo stato dei luoghi, avendo informato immediatamente il magistrato di turno presso la Procura della Repubblica di Brindisi, i militari del NOPA hanno proceduto al sequestro d’urgenza dell’intera area oggetto dello scavo ed al deferimento a piede libero alla stessa Autorità Giudiziaria di due soggetti. Si ricorda che l’area ricade interamente all’interno della Riserva Naturale di Torre Guaceto ed associata Area Marina Protetta, in località Punta Penna Grossa del Comune di Carovigno, una zona soggetta non solo a vincolo ambientale e paesaggistico, ma anche a speciale tutela in relazione alla sua specifica esclusività per la presenza di biodiversità uniche, il cui controllo e tutela viene esercitato senza soluzione di continuità da parte della Guardia Costiera nell’ambito delle proprie competenze istituzionali in materia di ambiente. Si ricorda che per segnalare comportamenti illeciti o situazioni dubbie sono attivi, 24 ore su 24 e 7 giorni su 7, il numero di centralino della Sala Operativa 0831521022 e la casella di posta elettronica cpbrindisi@mit.gov.it mentre, per le sole emergenze in mare, il numero blu 1530 ed il numero unico di emergenza 112.-


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.