BRINDISI.Killer agente Magli, Macina (M5S): “Scarcerazioni facili? Barilevo torna in carcere”

“Questi gli effetti del decreto Antimafia del Ministro Bonafede. Rispondiamo con i fatti agli avvoltoi che, responsabili di disastri nella giustizia in Italia, alimentano la rabbia della gente solo per consenso e senza fare nulla” commenta la deputata brindisina

 “La revoca dei domiciliari e il ritorno in cella di Francesco Barilevo, il killer di Carmelo Magli, agente francavillese di polizia penitenziaria, è la giusta risposta, che tutti noi ci aspettavamo, all’indignazione, legittima, dei familiari e dei cittadini. Lo Stato c’è e lo sta dimostrando con i fatti”. Così la deputata Anna Macina, portavoce del MoVimento 5 stelle a Montecitorio. “Barilevo – continua – è tornato in carcere a scontare le sue condanne.  É l’effetto del decreto Antimafia voluto dal Ministro della Giustizia Alfonso Bonafede, in virtù del quale per l’assassino di Magli, così come per i boss che avevano ottenuto i domiciliari sfruttando l’emergenza Covid-19, verranno rivalutate dai giudici le condizioni che avevano giustificato la concessione dei domiciliari. Noi rispondiamo con i fatti, a differenza degli speculatori, sempre in cerca di qualcosa da alimentare pur di soffiare sul fuoco e di quelli che non hanno perso nemmeno un secondo per stracciarsi le vesti in onore di una giustizia che hanno violentato per anni impoverendola e asservendola alle leggi ‘ad personam’. L’esecutivo è intervenuto tempestivamente, nel pieno rispetto dell’autonomia dei magistrati. Lo Stato non abbandona i famigliari dei suoi servitori né ignora la domanda di giustizia dei cittadini. Questi sono i fatti, agli altri lasciamo la pochezza di celebrazioni autoreferenziali” conclude.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.