Feste patronali. Trevisi (M5S): “Necessari strumenti per sostenere gli imprenditori che esercitano attività connesse a queste manifestazioni”

Adottare strumenti per sostenere le attività connesse allo svolgimento delle feste patronali.

Lo chiede il consigliere regionale del Movimento 5 Stelle Antonio Trevisi che ha presentato una mozione per chiedere alla Regione Puglia di intervenire per attivare un pacchetto di soluzioni dedicato a tutte quelle attività connesse all’organizzazione delle feste patronali che consenta agli operatori di superare questo lungo periodo di difficoltà economica, di salvaguardare l’occupazione e di porre le basi per una ripresa, che sarà sicuramente posticipata rispetto ad altri settori dell’economia e del turismo stesso.

“Abbiamo letto della nuova misura della Regione finanziata con 125 milioni di euro per professionisti a basso reddito e partite Iva – spiega Trevisi – ma riteniamo non sia sufficiente per tutti gli operatori che hanno subito pesanti ricadute economiche a causa dell’emergenza Covid. Pensiamo ad esempio a quelli che esercitano attività connesse all’organizzazione delle feste patronali, come i giostrai e gli operatori dello spettacolo itinerante, per cui avevamo già scritto alla Regione e artigiani delle luminarie. Attività, spesso a conduzione familiare e di antiche tradizioni, che rappresentano un elemento culturale portante della nostra tradizione pugliese e costituiscono una attrattiva fondamentale di interesse nel settore del turismo. Per questo è necessario intervenire tempestivamente per adottare ogni opportuno provvedimento per tutelare questi operatori. Non possiamo ignorare un settore così importante per la nostra cultura”. 


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.