NUOVI AIUTI UE, FITTO: LE RISORSE NON CI SEMBRANO TANTE E NON SONO IMMEDIATAMENTE DISPONIBILI

Le riflessioni del co-presidente del gruppo europeo ECR-FRATELLI D’ITALIA, Raffaele Fitto

“Troppo entusiasmo, come sempre. L’ennesimo annuncio della presidente della Commissione Europea, Ursula Von der Leyen, oggi a Bruxelles, non ci convince. La Next Eu Generation, così come è stata presentata, ha l’ambizione di rivolgersi alle generazioni future, ma forse non si concentra molto sulle necessità attuali e reali dei cittadini e delle imprese europee.

“Innanzitutto le risorse sembrano ancora insufficienti: i 750 miliardi proposti sono sicuramente inferiori ai 1000 annunciati nelle settimane precedenti. Sono risorse insufficienti per obiettivi e priorità ancora una volta frutto di scelte ideologiche: continuare a perseverare su politiche e programmi che già avevano molte criticità già nel periodo pre Covid è inutile. Farlo, poi, con la tempistica prevista è anche dannoso: imprese e cittadini europei necessitano di liquidità subito, non tra un anno o ancora peggio nel corso del settennato 2021-2027. Mole imprese sarebbero costrette a chiudere e milioni di cittadini europei si ritroverebbero disoccupati.

“Inaccettabile è, poi, imporre in questo momento nuovi oneri e tasse alle imprese per reperire le risorse per finanziare questo Next Ue Generation: plastic tax o addirittura la tassa sul mercato unico. Non meno importante, il tema delle condizionalità che gli Stati Membri devono rispettare: bene chiedere responsabilità, male sicuramente imporre condizioni che non fanno altro che aggravare la situazione di cittadini e imprese europee.

“Lasciamo, quindi, stare i facili entusiasmi, come Fratelli d’Italia invitiamo il premier Conte, sulla scorta di quanto proposto da Giorgia Meloni, a farsi carico di queste preoccupazioni e di esplorare anche strade complementari da aggiungere agli strumenti UE come i Bond patriottici, i Bond perpetui o a lunghissima scadenza acquistati dalla BCE e l’utilizzo dei Diritti Speciali di Prelievo (DSP) del Fondo Monetario Internazionale”.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.