BRINDISI.Oggiano (FDI):RIAPRIRE IL MERCATO SETTIMANALE DI S. ELIA

Possibile che quello che è possibile fare in altre città, neanche tanto lontane da noi, non è possibile fare a Brindisi?

I dati epidemiologici ormai parlano chiaro: grazie alla responsabilità dei brindisini non c’è più una emergenza sanitaria, se ma ci fosse stata, al netto della gestione fallimentare della Regione e dell’Asl per quanto riguarda l’ospedale Perrino e le altre strutture sanitarie in provincia. Non per questo bisogna abbassare la guardia e continuare ad adottare tutte quelle prescrizioni necessarie per ritornare alla normalità. Ma proprio perché interi comparti economici (commercianti, artigiani, ristoranti, bar, pub ecc.) stanno fallendo, compreso quello degli ambulanti, diventa indispensabile riattivare il mercato del giovedì a S. ELIA che rappresenta una indubbia fonte di guadagno non solo per gli ambulanti ma soprattutto per quegli esercenti del quartiere, molti dei quali mantengono in piedi le loro attività commerciali grazie agli incassi del giovedì per la presenza del mercato e del relativo movimento di gente che ne consegue. Il Sindaco deve iniziare a “decidere” e non rimandare sempre ad altri decisioni che spettano a lui: quella pur minima quantità di cittadini  lo ha votato per “decidere” non per “soprassedere” e “nascondersi” sempre dietro altri e rifuggire da proprie responsabilità! Così come fatto con la questione Versalis/Eni emettendo due ordinanze di chiusura “al buio”, emetta ordinanza di riapertura del mercato settimanale di S. Elia.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.