lavoratori, i precari, i disoccupati, le partite IVA, le piccole attività e i professionisti.Oggi a Bari in Piazza Garibaldi e in tutta Italia, il Partito Comunista ha chiamato a manifestare tutti

Oggi a Bari in Piazza Garibaldi e in tutta Italia, il Partito Comunista ha chiamato a manifestare tutti i lavoratori, i precari, i disoccupati, le partite IVA, le piccole attività e i professionisti che in questi mesi sono stati o mandati a lavorare a rischio della propria salute oppure abbandonati a se stessi senza un sostegno vero da parte di questo Governo.

Cardilli

Ai tantissimi presenti le parole del segretario generale Marco Rizzo ”Non potevamo lasciare l’opposizione a questo governo solo alla destra oggi siamo gli unici da questa parte contro questo governo. Una protesta guidata dai comunisti che vede scendere in piazza il popolo, anche contro la finta opposizione che viene fatta dalla destra che se fosse stata al governo avrebbe fatto le stesse identiche cose, perché entrambi sono facce della stessa medaglia che eseguono gli ordini degli interessi dei grandi gruppi capitalistici, delle banche della finanza. Tutti inginocchiati all’Unione Europea, all’Euro e alla NATO. Solo noi siamo per l’uscita da questa gabbia per rendere l’Italia un Paese indipendente, che dia il potere ai lavoratori, facendo lavorare tutti, facendoli lavorare meno e vivere meglio nella compatibilità con l’ambiente.”

La manifestazione ha visto l’intervento di lavoratori e di rappresentanti del ceto medio in difficoltà, tanti i giovani presenti. Ha chiuso l’appuntamento il segretario regionale Roberto Cardilli, incitando la piazza a continuare e a far crescere la protesta nei prossimi giorni e organizzare le lotte che ci saranno prossimamente nei luoghi di lavoro e sui territori.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.