Razzismo e dell’esclusione sociale, un video realizzato da alcuni giovani della Diocesi di Brindisi – Ostuni

Da alcuni giovani della Diocesi di Brindisi – Ostuni è stato prodotto un video per esprimere la propria vicinanza ai temi del razzismo e dell’esclusione sociale, pur rimarcando la condanna di qualsiasi forma di violenza. Il tutto è stato ideato e coordinato da don Dino Scalera, direttore dell’ufficio Comunicazioni Sociali dell’Arcidiocesi di Brindisi – Ostuni, e da Alberta Esposito, social media manager della stessa diocesi.

“Non è possibile chiudere gli occhi su qualsiasi tipo di razzismo o di esclusione e vivere come se nulla stesse accadendo. Ma contemporaneamente occorre ribadire che la violenza degli ultimi giorni negli USA è autodistruttiva e autolesionista.” Parafrasando quasi le parole di Papa Francesco, così don Dino Scalera, direttore dell’ufficio Comunicazioni Sociali dell’Arcidiocesi di Brindisi-Ostuni, commenta i fatti degli ultimi giorni negli Stati Uniti.

Continua don Dino: “Diversi giovani hanno manifestato il desiderio di non restare indifferenti e unirsi al messaggio che Papa Francesco ha rivolto a ciascuno nell’udienza di mercoledì 3 giugno, per pregare per l’anima di George Floyd e di tutti gli altri che hanno perso la vita a causa del peccato di razzismo. Nulla si guadagna con la violenza e tanto si perde”.

“Questo atto di crudeltà ha portato a galla una situazione che nel mondo c’è da secoli. – commenta Alberta – Non è concepibile che nel 2020 si tolga la vita ad un uomo per il colore della pelle. Se questo non smuove le coscienze, quale oscenità deve accadere per farci reagire? L’omertà e il silenzio non sono ammissibili tanto quanto la violenza ed io, come tanti altri, non voglio essere loro complice!”


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.