Puglia olivicola, Cia: “Dal Piano di Rigenerazione fondi alla 4.1.C”

Carrabba: “Siamo contenti che ora anche le altre organizzazioni facciano la stessa richiesta” Questione PSR, “perdere le risorse disponibili sarebbe un delitto, serve trovare soluzioni”

Longo: “Il 2020 rischia di essere lo spartiacque tra la vita e la morte di migliaia di aziende” Per gli olivicoltori colpiti dalla Xylella 7 anni d’inferno tra perdita di redditività e aumento dei costi

“Eravamo gli unici, in sede di audizione, a chiedere l’utilizzo di parte delle risorse del Piano di Rigenerazione Olivicola sulla Misura 4.1.C, in modo da aiutare gli olivicoltori che hanno sostenuto pese e perdite straordinarie e pesantissime a causa della Xylella. Siamo contenti che altre organizzazioni, dopo il nostro appello, si siano accodate a quella richiesta”. E’ Raffaele Carrabba, presidente regionale di CIA Agricoltori della Puglia, a tornare su una questione sollevata con forza dalla sua organizzazione. “E’ inutile negare che gli olivicoltori pugliesi si trovano in uno stato di forte prostrazione dal punto di vista economico e psicologico”, ha aggiunto Carrabba. “In 7 anni, vale a dire da quando è scoppiato il bubbone della Xylella fastidiosa, migliaia di aziende olivicole di ogni dimensione hanno dovuto fare fronte da una parte alla riduzione dei loro redditi, se non all’azzeramento, e dall’altra a cospicue spese suppletive dovute alla obbligatorietà dei trattamenti. Il Piano di Rigenerazione Olivicola serve, per l’appunto, a “rigenerare” un settore che ha mille problemi da affrontare, oltre alla Xylella: occorre favorire realmente le aggregazioni, in modo da aumentare il potere contrattuale dei produttori e dare loro l’opportunità di essere più forti anche nell’innovazione, la ricerca, l’internazionalizzazione, l’asset strategico della qualità totale e della commercializzazione. La partita da giocare è lunga e non è legata solo al superamento della fase emergenziale, ma a un totale rinnovamento e ammodernamento del settore, così che l’olivicoltura torni a essere quello che è stata per decenni, una leva di reddito e di lavoro per migliaia di imprenditori e di lavoratori in tutta la Puglia”, ha dichiarato il presidente regionale di CIA Agricoltori Italiani della Puglia. La Misura 4.1.C è destinata al Sostegno per investimenti per la redditività, competitività e la sostenibilità delle aziende olivicole della zona infetta. La dotazione finanziaria di quella misura è evidentemente insufficiente, se si pensa che oltre 500 aziende sono rimaste fuori dal plafond dei 32 milioni di euro impegnati. “Nel Leccese, ma anche nelle aree delle province di Taranto e Brindisi e, più in generale, in tutte le zone colpite dalla Xylella, la situazione in cui versano migliaia di aziende olivicole non è affatto buona”, ha aggiunto Emanuela Longo, direttore provinciale di CIA Salento. “Questo è un dato di fatto che siamo costretti a ricordare perché vi sia la consapevolezza, da parte del Governo nazionale e di quello regionale, che il 2020 rischia di diventare lo spartiacque tra la vita e la morte di migliaia di imprese. C’è una grande questione anche sul PSR Puglia: senza entrare nel merito di quanto accaduto negli ultimi giorni con la sentenza del TAR, l’auspicio è che si faccia in modo di non perdere le risorse destinate allo sviluppo e al sostegno dell’agricoltura. Le istituzioni devono trovare un modo per non mandare al macero le legittime aspettative di tante aziende e di moltissimi lavoratori. Se il sistema non viene aiutato a risalire la china, assisteremo all’impoverimento definitivo e non più rimediabile di un intero settore, con la perdita di migliaia di posti di lavoro e il peggioramento di una situazione sociale già molto pesante”, ha concluso Longo. 


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.