Flash Mob a Brindisi Cittadini,movimenti, associazioni, comitati :“ Mai più avvelenati “./Foto

Tanto per iniziare, un Flash Mob significativo, emblematico, di quelle che continuano ad essere le preoccupazioni, le ansie, della comunità brindisina.

Perché, e tra l’ altro l’ ha dimostrato l’ emergenza CoronaVirus, la salute è “ l’ elemento primario” a cui nessun cittadino intende rinunciare , a fronte delle diverse problematiche sotto il profilo occupazionale, sociale, economico .

Già, quante volte lo affermiamo ( in articoli giornalistici e non solo), quel binomio “ Ambiente ( Salute) – Occupazione” che, per quanto riguarda Brindisi e il suo territorio, non è mai stato “incalanato”, in tutti questi anni, nella direzione positiva, come se ci fosse una sorta di “disegno divino” che ha stabilito in eterno polemiche, scontri, divisioni .

Ma qui, è la proprio la storia brindisina a raccontarlo, è la politica che, insieme al sistema imprenditoriale – industriale e le organizzazioni sindacali, deve assumersi le proprie responsabilità, mettendo in campo decisioni che tutelino entrambi i versanti. Basta a polemiche frontali, spesso anche inutili, che, francamente, hanno anche stancato la gente.

Non c’è Lavoro senza Salute e viceversa, è una “dicotomia” che sta continuando a mettere a dura prova la città, il territorio, il nostro futuro

Ma alzi la mano chi ancora continua a negare che a Brindisi si muoia di patologie tumorali legate a forme di inquinamento , e non ci si può fermare, evidentemente, solo alla controversa vicenda Versalis . Del resto, anche l’ evoluzione tecnologica impone, da parte di ogni azienda ( dalla più grande alla più piccola) il rispetto dell’ ambiente, la salute, la sicurezza . Non si “ scappa” dalla tutela della salute delle comunità e, appunto nella storia, ognuno dovrà assumersi le proprie responsabilità .

E i cittadini brindisini continuano ad essere preoccupati sulla propria salute, tra l’ altro supportati non da chiacchiere, ma da studi epidemiologici, rapporti di studiosi e scienziati ( pubblicati e sostenuti anche dalla stessa Regione Puglia) . Rapporti, analisi, studi che dimostrano gli effetti e conseguenze sulla popolazione brindisina delle esposizioni ambientali di origine industriale ( e non solo).

Quei cittadini, associazioni, comitati, movimenti, appunto, protagonisti sabato pomeriggio a Brindisi di un Flash Mob che si è svolto in Piazza Vittoria , per rivendicare il “ diritto alla salute”, ad una vita migliore.

Questa città è ancora viva , non accetta di essere ancora una volta avvelenata nell’ indifferenza generale. Nessun colore politico, nessuna primogenitura , niente responsabili, solo cittadini liberi e pensanti “ – questo è, in sostanza, il “ manifesto” di un’ iniziativa che, in ogni caso, non può essere sottovalutata, perché emblematica di un profondo malessere, una grande preoccupazione che dovrebbe coinvolgere tutti e legarsi ( lo ribadiamo) alle altre gravi problematiche della città e del territorio “.

Dobbiamo lasciare un futuro sereno alle nuove generazioni e ai nostri figli “, da qui si deve ripartire. E’ un allarme che è stato lanciato, con un “ suono di tromba da stadio “ che alle ore 18.00 ha praticamente dato il via al Flash Mob. Tutti i partecipanti praticamente si sono fermati per 120 secondi, uno striscione recitava : “ basta veleni, non resteremo più immobili “.

Il Diritto alla Salute, il Diritto al Lavoro, ora ci vogliono più fatti che chiacchiere……

Foto di Stefano Albanese


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.