BRINDISI.Nasce l’associazione “CITTADINI ATTIVI!”

Nasce in Puglia l’associazione “Cittadini Attivi!” formata da liberi Cittadini delle province di Bari, Lecce, Brindisi e Taranto che provengono da esperienze di impegno politico e sociale trascorse nelle associazioni, nei movimenti, nei comitati e nei luoghi di lavoro.

Giovanni Manzo

L’associazione pone al centro della sua attività la tutela dello stato sociale, la democrazia partecipata, la meritocrazia, i diritti della persona, la difesa della scuola pubblica, il diritto costituzionale alla salute, la difesa dei beni comuni e dell’ambiente.
È stato eletto presidente dell’associazione, all’unanimità, Giovanni Manzo di Lecce, mentre nel ruolo di vice presidente è stata eletta Francesca De Marinis di Triggiano (BA).
Dichiara Giovanni Manzo “l’associazione si propone di favorire, in più comuni possibili, l’organizzazione di gruppi autogestiti di cittadini attivi i quali, grazie alla condivisione delle proprie competenze, potranno finalmente dare un significativo contributo alla realizzazione di città sostenibili, accoglienti, solidali e partecipate. In questo momento
ci stiamo attivando, anche tramite l’invio di richieste di moratoria a tutti i comuni della Puglia, in una campagna in difesa del principio di precauzione relativo alla contestatissima tecnologia 5G. A Brindisi l’iniziativa ha trovato il pieno supporto del Comitato Cittadino No 5G. Non appena ci sarà consentito, ci rivolgeremo ai cittadini utilizzando i metodi classici, come il volantinaggio, i gazebo informativi e gli incontri pubblici”.
Chi volesse aderire all’associazione può farlo inviando apposita richiesta all’indirizzo email: cittadiniattivi.italia@gmail.com.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.