BRINDISI.Proroga servizio di assistenza domiciliare.Il Sindacato Cobas denuncia la grave situazione che si è venuta a creare

Il Sindacato Cobas denuncia la grave situazione che si è venuta a creare in seguito alla decisione del sindaco Riccardo Rossi di prorogare fino al 30 settembre 2020  il servizio di assistenza domiciliare educativa mentre Il dirigente al bilancio, Simeone, non ha voluto controfirmare perché non in linea con le decisioni relative al piano di predissesto del comune di Brindisi.


Uno stop che portato la cooperativa Amani, che gestisce il servizio, a sospendere le attività..
Il Sindacato Cobas e una delegazione di lavoratori del servizio sospeso incontreranno domani mattina alle ore 9,00 il sindaco Rossi per capire quale soluzione adottare. 


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.