Legge per favorire la vita indipendente delle persone disabili. Galante (M5S): “Un primo passo, ma si poteva fare di più con il budget della salute”

“Abbiamo contribuito a migliorare la legge per favorire la vita indipendente delle persone disabili in Puglia grazie agli emendamenti approvati, ma riteniamo si potesse e dovesse fare di più per dare davvero una svolta ai progetti di vita individuale.  Consideriamo quello di oggi un primo passo, ma altri ne vanno fatti.

Purtroppo, visti i precedenti, poco ci fidiamo delle promesse della Giunta di apportare più in là cambiamenti”. Lo dichiara il consigliere del M5S Marco Galante a margine della seduta del consiglio regionale in cui è stato approvato il disegno di legge “Interventi regionali per favorire l’autonomia, la vita indipendente e la qualità della vita delle persone con disabilità, anche senza supporto familiare, in Puglia”

Tra gli emendamenti approvati quelli che prevedono che gli interventi di supporto all’inclusione scolastica di competenza di Regione Puglia e degli Enti Locali si uniformino a quanto previsto dal progetto individuale della persona e che gli interventi di supporto all’inclusione lavorativa delle persone con disabilità previsti dalla normativa nazionale e regionale, nel caso riguardino persone con in atto un progetto individuale di vita indipendente,  vengano annoverati nel progetto in modo da consentire l’armonizzazione delle diverse misure e quello per assicurare, nell’ambito di redazione del Progetto individuale per la vita indipendente le unità multidisciplinari o multiprofessionali, il coinvolgimento delle Istituzioni scolastiche, in modo da consentire che il Piano educativo individualizzato scolastico sia coerente e parte integrante del progetto individuale per la vita indipendente”.

“Purtroppo ancora una volta è stato bocciato il budget della salute, parte integrante del Progetto individuale per la vita indipendente della persona con disabilità – continua Galante – e non riusciamo a capire perché la Regione lo ostacoli da sempre. Non è passato neanche il contratto di progetto individuale, che avrebbe messo insieme risorse, misure e interventi di welfare necessari alla realizzazione del diritto alla vita indipendente. Noi continueremo a batterci per queste modifiche, in modo che la legge diventi davvero operativa e non rischi di restare solo un insieme di buone intenzioni.Si può fare molto di più per migliorare i progetti di vita individuale”.  


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.