Mesagne (Br).Solidarietà a piccoli e medi imprenditori

Tanti e diffusi gli appelli che si susseguono in modo incessante da parte di piccoli e medi imprenditori che non sono più in grado di far fronte ai debiti accumulati in questi ultimi mesi – affitti, tasse, bollette, fornitori – e che ora rischiano di chiudere la propria attività.

Il Covid-19 si è rivelato un pericoloso nemico del nostro tempo anche per le inevitabili ripercussioni occupazionali e le conseguenze negative sull’economia del Paese che hanno relegato lavoratori autonomi e imprenditori al ruolo di vittime. Purtroppo anche la nostra città non è stata risparmiata. Fra le vicende che hanno interessato diversi esercizi commerciali, che per le evidenti difficoltà economiche precedenti al Covid-19 a maggio hanno deciso di non riaprire, si annovera quella del noto gelatiere mesagnese Angelo Pignatelli, titolare da diverse generazioni dell’omonima gelateria che qualche settimana fa aveva anche iniziato uno sciopero della fame, poi fortunatamente interrotto per motivi di salute.

Purtroppo, nonostante le misure a sostegno delle imprese previste dai decreti Cura Italia e Liquidità, numerose sono le storie di imprenditori già al limite della sostenibilità economica nel periodo precedente all’emergenza sanitaria che oggi risultano aggravate, richiedendo maggiore attenzione. L’Amministrazione comunale, per quanto è nelle sue competenze e consapevole che il sostegno al sistema produttivo è fondamentale per favorire una ripresa economica e sociale della Città, sta adottando – in linea con quanto già indicato a livello nazionale – tutte le misure possibili e necessarie, come il differimento e in alcuni casi la sospensione delle tasse comunali (TOSAP). Esprimiamo, dunque, la nostra vicinanza al sig. Pignatelli e a tutti i nostri concittadini che si trovano in difficoltà analoghe in questa delicata fase che ci auguriamo rappresenti un momento per una graduale ripresa, riconfermando la disponibilità al confronto e al sostegno, auspicando che ogni vicenda possa trovare soluzioni compatibili e soprattutto sostenibili attraverso una valutazione approfondita con tutti i soggetti coinvolti.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.