Cobas Brindisi.Aprile:sfratto a Parco Bove

Una famiglia residente da tanti anni a Parco Bove sta per essere sfrattata dalle baracche di Parco Bove di proprietà del Comune di Brindisi perché il tribunale di Brindisi, su ordine del Giudice Negro, la considera abusiva.

La famiglia , padre , madre, 2 bambini uno di 6 anni e l’altro di 1 anno e mezzo riescono a dimostrare la loro presenza solo da 9 anni nonostante fossero dentro da più di 10 anni, cosa che le permetterebbe di avere titolo a rimanere dentro.

La madre sta per essere trasferita a Latiano in una casa famiglia dove costerebbe al Comune di Brindisi più di 100 euro al giorno.

La maggior parte dei residenti paga l’affitto al Comune di Brindisi ed abbiamo evitato in questi giorni  lo sfratto per altre famiglie , questa era l’ultima .
Stavamo per arrivare a settembre dove assegnare la casa popolare a chi ha diritto ed eventuali sostegni per famiglie in difficoltà , così come il Comune fa già da anni.

Un percorso lungo e difficile realizzato con la attuale Amministrazione Comunale che stava arrivando attraverso la istituita cabina di regia in Prefettura ad una soluzione civile per le storiche baracche di Parco Bove e che per la città era un ottimo risultato in quanto  prendeva 5 milioni di euro per investirli sul Paradiso , in particolare in quella area.

In tempi di coronavirus buttare una famiglia in mezzo alla strada assomiglia più ad un omicidio che un ripristino della legalità.

 

Per il Comitato di Parco Bove portavoce Roberto Aprile


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.