Carovigno. Si introducono in casa con il volto travisato e dopo aver forzato la porta d’ingresso si impossessano di denaro e carta di credito, arrestati.

I Carabinieri del N.O.R. della Compagnia di San Vito dei Normanni, in Carovigno, a conclusione degli accertamenti, hanno tratto in arresto, in flagranza di reato, Pagliara Vincenzo, classe 1990 di San Marzano di San Giuseppe (TA) e Natola Fabio, classe 1996 del luogo, per furto in abitazione e resistenza a Pubblico Ufficiale.

In particolare, gli arrestati – con volto travisato – dopo aver forzato la porta d’ingresso di un’abitazione di Carovigno, si sono impossessati di denaro contante per circa 200 euro e di una carta di credito, venendo prontamente bloccati all’interno della camera da letto dai militari operanti giunti sul posto, nonostante la resistenza attiva – posta in essere dai due giovani mediante  spinte e calci – al fine di guadagnare la fuga.

La successiva perquisizione ha consentito di rinvenire in un marsupio, la somma di denaro contate indebitamente sottratta per un ammontare complessivo di circa 220,00 euro e la carta di credito del proprietario dell’abitazione, nonché 0.15 gr di marijuana già in loro possesso, sottoposta a sequestro amministrativo.

Nella tasca dei pantaloni del Natola, è stata rinvenuta una chiave di autovettura Citroen C3 che da successivi accertamenti è stata rinvenuta parcheggiata in una strada adiacente, noleggiata dagli stessi presso una società della provincia di Brindisi, verosimilmente per commettere tali azioni delittuose. Denaro e carta di credito restituiti al legittimo proprietario.

Dopo le formalità di rito gli arrestati sono stati tradotti presso la Casa Circondariale di Brindisi su disposizione dell’Autorità Giudiziaria.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.