ZULLO: “LO SPETTACOLO DISUMANO DAVANTI AL PERRINO DI BRINDISI LA FOTOGRAFIA NITIDA DELLA PEGGIORE SANITA’ PUGLIESE”

Di seguito, una nota di Ignazio Zullo, capogruppo Fratelli d’Italia alla Regione Puglia. 

“Lo spettacolo offerto oggi dalla fila interminabile di persone in coda per ore sotto al sole cocente per accedere all’ospedale Perrino di Brindisi è disumano, prima ancora che sconcertante. La conferma dell’assoluta mancanza di strategie e di programmazione per la gestione del ritorno alla normalità nel plesso ospedaliero dopo l’emergenza Covid-19, dopo mesi di blocco assoluto di gran parte delle normali attività e prestazioni, delle visite ambulatoriali e di controllo di una lunga serie di patologie, dei servizi e delle prestazioni erogate e da erogare. Mesi evidentemente sprecati, alla luce di quanto sta accadendo: un rischio dal sottoscritto più volte paventato, ma che non è stato evidentemente preso nella dovuta considerazione, a ogni livello. E che ha nuovamente mandato in tilt la sanità pubblica locale, anche e soprattutto attraverso il combinato disposto con cronicità imputabili all’attuale, disastrosa (non) gestione della sanità da parte del governo regionale, a partire dalle liste d’attesa, per continuare poi con la medicina territoriale rimasta nel limbo.
Il post-Covid-19 si sta cos? rilevando per i cittadini e gli operatori, sanitari e non, un nuovo dramma, che si sarebbe dovuto scongiurare. Con il rischio, purtroppo sempre più concreto, che le scene vissute davanti al Perrino si possano replicare nei prossimi giorni e nelle prossime settimane, anche altrove in Puglia: un’eventualità che nessuno pu? e deve permettere”.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.