Buoni pasto Asl Puglia. M5S: “Disparità tra i dipendenti per il riconoscimento di un diritto”

“Oggi con l’audizione del direttore del Dipartimento Salute della Regione Puglia, Montanaro è stata riconosciuta la disparità che subiscono i dipendenti delle Asl provinciali per quello che riguarda il diritto ai buoni pasto.

Abbiamo chiesto perché solo nella Asl di Bari venga riconosciuto e lo stesso Montanaro ha ammesso una differenza di trattamento nelle aziende sanitarie regionali, conseguenza in alcuni casi di risultati giudiziari e in altri di accordi sindacali. Una situazione che potrebbe essere risolta con la pubblicazione e aggiudicazione del bando per l’istituzione delle mense aziendali, bando di cui purtroppo si è persa traccia nè conosciamo i tempi”. Lo dichiarano i consiglieri del Movimento 5 Stelle Grazia Di Bari, Antonella Laricchia e Marco Galante a margine dell’audizione in III Commissione in cui è stato audito il direttore del dipartimento Salute Vito Montanaro, su richiesta dei pentastellati, in merito alle modalità di organizzazione del servizio e di fruizione del diritto alla mensa nonché le modalità di erogazione dei buoni pasto, dopo le numerose segnalazioni da parte dei dipendenti delle Asl.

“Ci sembra assurdo che oggi dopo anni stiamo discutendo ancora del bando per le mense ospedaliere  – continuano i consiglieri – di cui non abbiamo alcuna certezza. Domani Montanaro incontrerà i direttori generali delle Asl provinciali e da questo incontro verrà elaborata una relazione che aspettiamo di leggere per capire quali comportamenti il dipartimento intende assumere per evitare differenziazioni di trattamento. Una questione affrontata solo dopo il nostro intervento: parliamo di quei lavoratori che definiamo eroi, ma a cui poi neghiamo anche diritti riconosciuti dal Contratto Collettivo Nazionale. Continueremo a monitorare la situazione dei dipendenti che non intendiamo lasciare soli. A tal proposito siamo disponibili a tornare in consiglio regionale qualsiasi momento se può servire per riparare ad una evidente ingiustizia. Altrimenti si fa campagna elettorale parlando del bene dei cittadini, ma solo a parole”.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.