Ostuni. impiega e sfrutta un cittadino extracomunitario nella sua azienda agricola e viola numerose norme ambientali, sanitarie e di sicurezza suo luoghi di lavoro, denunciato.

I Carabinieri del Nucleo Investigativo del Reparto Operativo di Brindisi, a conclusione degli accertamenti, hanno deferito in stato un imprenditore agricolo di Ostuni, per intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro e numerose violazioni al testo unico ambientale e sulla salute e sicurezza dei luoghi di lavoro.

In particolare, i militari operanti, nell’ambito degli accertamenti operati dalla task force anti-caporalato, costituita dal Comando Provinciale Carabinieri di Brindisi, al fine di contrastare il fenomeno dell’intermediazione illecita di manodopera e sfruttamento del lavoro, unitamente a personale del Nucleo Carabinieri Ispettorato Lavoro di Brindisi, hanno effettuato un accesso ispettivo presso un’azienda agricola di Ostuni, operante nel settore dell’allevamento di ovini, bovini e produzione di prodotti caseari, dove hanno rilevato le violazioni per le quali, l’uomo, è stato denunciato in stato di libertà.

Inoltre, l’imprenditore, aveva alle dipendenze un cittadino pakistano, regolare sul territorio nazionale, sfruttandolo nell’impiego giornaliero, sottopagandolo rispetto alle reali prestazioni svolte e approfittando del suo stato di bisogno dovuto alla necessità di mantenere una fonte di reddito per consentirgli il rinnovo del permesso di soggiorno nel territorio dello Stato.

L’intera area, adibita ad attività di zootecnica e caseificio, è stata sottoposta a sequestro.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.