BRINDISI. Partite Iva:Lo scorso comunicato esordivamo cosi: “ L’idea di chiudere il centro è un atto forte ma che renderà felici i ristoratori”. Invece no, ci sbagliavamo.

Sono passati pochi, pochissimi giorni dall’attuazione di questa nuova ordinanza, e siamo stati contattati da un gruppo di imprenditori preoccupati e avviliti.

Tutti hanno espresso lo stesso pensiero e le stesse paure, questo nuovo piano urbano li sta, economicamente parlando, uccidendo, i clienti latitano e il fatturato, già messo in crisi dal Covid, ora tracolla.

La chiusura del centro è sempre stata una questione spinosa, si accontenta una parte della città ma si scontenta l’altra.

Ci sembra doveroso chiarire che il nostro gruppo è fondato da partite iva, a favore delle partite iva.

L’attuale ordinanza è ,così come comunicato alla città tramite la stampa, in fase sperimentale, proprio per questo, intervenendo a favore delle attività richiedenti il ns aiuto, chiediamo all’amministrazione comunale di poter apporre delle modifiche:

– chiudere il centro esclusivamente nel weekend;

– posticipare la chiusura alle 21.30, poiché la gente,viste le alte temperature,non esce più nelle prime ore del pomeriggio;

– applicare una scontistica per il parcheggio negli stalli blu;

– Migliorare la segnaletica per le zone adibite a parcheggio.

Speriamo che tali richieste vengano accolte con benevolenza quanto prima, ricordando sempre che noi partite iva rappresentiamo il fulcro economico della nostra città.

Il mondo è bello perché vario, sforziamoci tutti insieme di rendere Brindisi una città migliore senza doverla paragonare alle realtà a noi vicine.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.