Violenza sulle donne, Turco: “C’è già un’apposita pdl mia e del collega Galante. Chi vuole unirsi lo faccia, ma non sbandieri altri testi last minute”.

“Su un tema così delicato come la violenza sulle donne, credo che la politica tutta debba fare un passo indietro e lavorare fianco a fianco senza colore di appartenenza ed evitando meri tornaconti personali. In queste ora leggo di un consigliere di minoranza che sta sbandierando una sua proposta di legge, peraltro tardiva, essendo ormai arrivati al termine della legislatura regionale.

A questo collega ricordo che c’è già una proposta in tal senso, firmata dal sottoscritto, condivisa da apposite associazioni e successivamente sostenuta dal collega M5S Marco Galante che, per senso istituzionale, ha deciso di mettere da parte un altro testo e di unirsi al mio. Per fare fronte comune, a dimostrazione che anche forze politiche apparentemente distanti come la mia e la sua possono lavorare insieme su problematiche reali e urgenti.

Bene, il nostro articolato attende gli ultimi pareri tecnici degli uffici regionali ed è in dirittura d’arrivo nelle apposite commissioni e nel consiglio regionale. Forse già nel prossimo. A questo collega di minoranza allora dico: se davvero vuole contribuire a legiferare contro la violenza sulle donne, si unisca alla nostra pdl o eventualmente presenti degli appositi emendamenti migliorativi. Duplicare altre proposte di legge, a poche settimane dal termine della legislatura regionale, rischia di diventare solo mera propaganda da campagna elettorale. Per acchiappare qualche like in più sui social e qualche titolo sui giornali e sulle tv locali”.

Lo dichiara il consigliere regionale di Senso Civico – Un Nuovo Ulivo per la Puglia, Giuseppe Turco.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.