PUGLIA2020, RAFFAELE FITTO: OGGI HO FATTO IL VIAGGIO DELLA XYLELLA, DA GALLIPOLI A LOCOROTONDO, 150 KM DI PAESAGGIO DEVASTATO

Sulla strada che da Locorotondo porta a Cisternino c’era un uliveto con circa 20 piante. C’era, oggi vi è solo un giovane ulivo, unico sopravvissuto (non si sa ancora per quanto) alla Xylella. 

Il candidato del centrodestra per la Puglia, Raffaele Fitto, questa mattina è partito da Gallipoli, l? dove ci sono stati i primi casi, per arrivare in provincia di Bari dove le piante infette sono ora 28: un viaggio di 150 km per testimoniare “la devastazione che ha messo in ginocchio un intero territorio e l’agricoltura pugliese”

“Milioni di piante distrutte – ha detto Fitto guardando la campagna interessata –  un paesaggio devastato per sempre per incapacità e irresponsabilità della Regione che ha un presidente che all’inizio della legislatura ha prima messo al bando i professori, negando la Xylella, dopo ha disatteso le indicazioni che arrivavano anche da Bruxelles, per cui l’Italia ha avuto una procedura di infrazione, e poi ha dichiarato, qualche giorno fa, che la Xylella è ferma da quattro anni, ovvero da quando è presidente della Regione. Il tutto mentre la Puglia perde risorse europee per bandi PSR scritti male”.

“Sono qui per partire per un giro elettorale – ha concluso – che spieghi ci? che è accaduto in questi anni, segnalare le responsabilità e dare soluzione. Due anni fa, insieme al collega del Pd, Paolo De Castro, ne avevamo proposta una che Emiliano ha lasciato nel cassetto. Non voglio solo dare sfogo rabbioso a tutti gli agricoltori e pugliesi incazzati, ma incanalare tutto questo e ragionare tutti insieme per dare una nuova speranza alla Puglia”


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.