Cara di Restinco,manifestazione questa mattina della Cgil Brindisi e riunione allargata in Prefettura del Comitato per l’ Ordine e la Sicurezza.

La vicenda del Cara di Restinco sta suscitando molte preoccupazioni e polemiche, dopo che il Governo italiano ha in sostanza deciso di trasferire i migranti tunisini nella struttura, molti dei quali sbarcati in Italia insieme ai 28 positivi al Coronavirus scoperti a Roccella Jonica nei giorni scorsi .

Una vicenda che, oltre soprattutto ai lavoratori del Centro, sta mobilitando in queste ore le istituzioni, le organizzazioni sindacali , le forze politiche .

Ed è proprio di queste ore la notizia della positività al Covid- 19 di un migrante tra gli ospiti delle 80 persone accolte dalla struttura . Insomma, uno stato di profonda preoccupazione che ad esempio ha spinto questa mattina la Cgil Brindisi ad organizzare una manifestazione sotto la sede della Prefettura in Piazza Santa Teresa , insieme ai lavoratori e operatori del Cara , in attesa di un incontro con i dirigenti della Prefettura .

Incontro in sostanza contestualizzato nell’ ambito di una riunione allargata del Comitato per l’ Ordine e la Sicurezza, alla quale, tra gli altri, hanno anche partecipato dirigenti e rappresentanti della Asl di Brindisi. La notizia importante è che proprio il massimo Ente Sanitario prenderà in carico l’ attività di sorveglianza sanitaria nel Cara di Restinco.

Segue Video Intervista al segretario Generale della Cgil Brindisi Antonio Macchia che , tra l’ altro, ha confermato “ l’ enorme preoccupazione per l’ implicazione del provvedimento deciso dalle autorità governative sul sistema complessivo di accoglienza territoriale e sulla tenuta dei diritti dei lavoratori anche in relazione alla salvaguardia dei livelli occupazionali “.

 

Video Intervista : Ferdinando Cocciolo, Marcello Altomare


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.