ZULLO: “PROSEGUE IL TOUR ELETTORALE DI EMILIANO NEGLI OSPEDALI PUGLIESI. TAGLI DI NASTRO E CRITICITA’ IRRISOLTE”

Di seguito, una nota del capogruppo regionale di Fratelli d’Italia, Ignazio Zullo.

“Nemmeno l’ospedale pediatrico Giovanni XXIII di Bari è riuscito a sottrarsi al tour elettorale di Michele Emiliano, in una delle sue ultime apparizioni sia come assessore alla Sanità (consapevole infatti dei 5 anni di totali fallimenti, ha già designato e candidato l’eventuale successore) che da governatore di Puglia (perché saranno gli elettorali a notificargli lo sfratto, quando si recheranno alle urne).
Verrà per suggellare e benedire un’importante partnership con l’ospedale romano ‘Bambin Gesù’ e a tagliare il nastro dell’unità operativa di Patologia clinica e screening neonatale, e fin qui nulla da eccepire. Ma in quella stessa struttura dallo scorso mese di marzo si è fermata la cardiochirurgia, e i bambini pugliesi che hanno bisogno di interventi e prestazioni – delicate o di routine – sono costretti a rivolgersi in altri ospedali, ai ‘viaggi della speranza’ dolorosi, stressanti e costosi che in questo ultimo quinquennio non sono mai diminuiti, come ben sanno tante famiglie e i manager e gli amministratori della sanità pubblica costretti a verificare l’incidenza della mobilità passiva sul bilancio complessivo dell’ente.
Per questo, ancora una volta, rinnoviamo l’invito all’onnipresenzialista Emiliano di abbinare alla passerella l’annuncio di azioni, risposte concrete: come la possibilità per un bambino cardiopatico di essere operato nella sua regione, di avere accanto a sé le persone più care. È ancora in tempo per farlo, nonostante gli scatoloni già pronti”.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.