ASL BRINDISI.Nuovi casi di positività al Covid: attivate tutte procedure di sicurezza

Tre nuovi casi di positività al Covid al Perrino di Brindisi. Due cittadine albanesi sono arrivate ieri dopo la mezzanotte, con un’ambulanza del 118, al Pronto soccorso dell’ospedale con sintomi riconducibili al Coronavirus, tosse e febbre.

È stato subito attivato il percorso Covid e sono state isolate in un’area dedicata. È già in corso la ricostruzione dei contatti come previsto dai protocolli.

Il terzo caso, invece, è quello di una donna di circa ottant’anni, giunta ieri sera al pronto soccorso del Perrino con problemi cardiaci: prima del ricovero, come da procedura, è stata sottoposta al tampone che è risultato positivo. “Quest’ultimo caso – sottolinea il direttore generale della Asl, Giuseppe Pasqualone – rientra in un quadro fisiologico: il controllo di ogni ingresso in ospedale porterà necessariamente alla scoperta di nuovi positivi spesso asintomatici. Di tutt’altro tenore, invece, il caso delle cittadine albanesi che pone con forza il tema di un test obbligatorio per l’ingresso sul territorio da altri paesi”.

Intanto, verrà dimesso oggi con due tamponi negativi, il turista lombardo che era stato ricoverato nei giorni scorsi nel reparto di Malattie infettive diretto da Domenico Potenza. È completamente guarito, ma resterà in isolamento fiduciario per una settimana nella sua abitazione.

Continua nel centro di Restinco – aggiunge il direttore generale – l’attività di sorveglianza sanitaria della Asl con l’equipe coordinata dal direttore del Distretto sociosanitario di Brindisi, Angelo Greco, e dal direttore del Servizio di Igiene e Sanità pubblica, Stefano Termite, con la consulenza della specialista infettivologa Emanuela Ciracì”.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.