Torchiarolo e Squinzano (LE). Eseguita ordinanza di custodia cautelare in carcere, agli arresti domiciliari e di applicazione dell’obbligo di dimora, nei confronti di tre persone ritenute responsabili, a vario titolo, di concorso in detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti.

Nella mattina del 17 luglio 2020, in Torchiarolo (BR) e Squinzano (LE), i Carabinieri della Compagnia di Brindisi, collaborati nella fase esecutiva dal Nucleo Cinofili Carabinieri di Modugno (BA), hanno dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, agli arresti domiciliari e di applicazione dell’obbligo di dimora – emessa dal GIP del Tribunale di Brindisi su richiesta della locale Procura della Repubblica – nei confronti di 3 soggetti, ritenuti responsabili, a vario titolo, di concorso in detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti, con l’aggravante della recidiva per uno di essi.

L’indagine, condotta dal gennaio 2019 a gennaio scorso, anche tramite attività tecnica, ha consentito di:

–   documentare uno spaccio di sostanze stupefacenti (oltre 40 cessioni fra hashish e marijuana) con acquirenti provenienti soprattutto dalla provincia di Lecce, in particolare Surbo, Galatina, Gallipoli;

–   sequestrare complessivamente 7,510 chilogrammi di sostanza stupefacente del tipo “marijuana” e più di 50 grammi di “hashish”, nonché molteplice materiale per la coltivazione della marijuana ed il confezionamento dello stupefacente;

Nello stesso contesto sono state altresì eseguite ulteriori perquisizioni domiciliari nei confronti di indagati non colpiti dalla presente misura.

 


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.