Il Sindacato Cobas denuncia le condizioni di lavoro all’interno della mensa dell’ospedale Perrino di Brindisi

Il Sindacato Cobas denuncia le condizioni di lavoro all’interno della mensa dell’ospedale Perrino di Brindisi da quando è subentrata la ditta Dussmann a gestire l’appalto.


IL Cobas per questa situazione a dir poco allucinante dichiara lo stato di agitazione .

Il taglio del 30 % delle ore di lavoro ha comportato l’aumento dei ritmi di lavoro e sembra che  l’abbandono di alcune attività legate alla pulizia degli ambienti di lavoro abbia determinato  presenze sempre maggiori di animaletti indesiderati .

La necessità di aumentare i guadagni per la ditta Dussmann non deve conciliarsi con un maggiore sfruttamento e condizioni di pulizia e sicurezza sugli impianti.

Una ristrutturazione della cucina di fatto mai iniziata e ferma ai pannelli divisori hanno portato al trasferimento di alcune attività alla mensa di Francavilla Fontana.

Insomma da una parte si fa il sugo e dall’altra la pasta, con un risultato che la ASL farebbe bene a controllare ogni giorno.

Il tutto si configura come un ulteriore risparmio per Dussman.

Tutto questo accade mentre i lavoratori vengono costretti a prendere ferie per coprire le ore di lavoro contrattuali , oltre al danno anche la beffa per i lavoratori.

Oltre alle condizioni di lavoro ci preoccupano fortemente le attività di pulizia degli ambienti che a sentire i racconti dei lavoratori sono fortemente diminuite.

Chiediamo all’ASL di controllare e ai lavoratori di fare fronte unico contro la arroganza di questa multinazionale Tedesca che premia pochi lavoratori e ne condanna tanti.

 

Per il Cobas Roberto Aprile


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.