ALLACCI ALLE RETI IDRICHE E FOGNARIE – ROMANO: VIA LIBERA DALLA REGIONE AGLI INTERVENTI NELLE CONTRADE DI BRINDISI. ADESSO SI ATTIVI IL COMUNE PER LE ALTRE PROBLEMATICHE

Siamo estremamente soddisfatti per l’approvazione, in Consiglio regionale, dell’emendamento con cui si prevede che nelle aree oggetto di variante di recupero il gestore del servizio idrico integrato deve provvedere senza indugio ad assicurare gli allacci alle reti idriche e fognarie, anche nelle more della conclusione del procedimento attuativo comunale.

Il tutto, anche per evitare emergenze di natura igienico-sanitaria ed ambientale.
Dopo una riunione di approfondimento svolta stamattina presso l’Assessorato regionale all’Urbanistica (e dopo aver ricevuto il conforto del parere dei funzionati preposti) ho sottoscritto – insieme all’Assessore all’Urbanistica Alfonso Pisicchio – l’emendamento proposto dal consigliere Amati.
Questa norma di legge consentirà finalmente di realizzare gli allacci alle reti idrica e fognante agli abitanti delle contrade Torre Rossa, Giambattista, Muscia, Ficatorta e Montenegro, le cui varianti di recupero furono adottate dal Consiglio Comunale nel luglio del 2000 ed approvate definitivamente dalla Regione Puglia nel giugno del 2005.
Rimane da risolvere un altro tema affrontato questa mattina con i funzionari dell’Assessorato Regionale all’Urbanistica ossia la possibilità di scorporare, dagli oneri dovuti dai titolari degli abusi, l’importo delle opere già realizzate dall’Acquedotto Pugliese senza alcun onere per il bilancio comunale.Su questo argomento abbiamo programmato ulteriori approfondimenti tecnici nei prossimi giorni per andare incontro alle reiterate richieste fatte dagli abitanti delle contrade.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.