BRINDISI.Cobas:parenti in attesa di ricoverati pronto soccorso sul piazzale Perrino

Quella di seguito è la lettera inviata al Direttore generale della ASL, Giuseppe Pasqualone, in merito alle condizioni dei parenti ricoverati al pronto soccorso.grazie , bobo aprile 


Spettabile Direttore Generale ASL BR Giuseppe Pasqualone,

il Sindacato Cobas pone alla sua attenzione la difficile situazione che si è venuta a determinare all’Ospedale Perrino in seguito alle decisioni ASL relative alle misure di  contenimento Covid-19 ed in particolare per il pronto soccorso.

I parenti al seguito dei ricoverati al pronto soccorso rimangono fuori sul piazzale esterno in attesa di novità .

Qui rimangono ore ed ore in attesa senza poter essere ospitate in un  luogo idoneo , tipo una grande sala di aspetto e soprattutto senza servizi igienici.

La piccola sala di aspetto all’ingresso che aveva un minimo di servizi igienici è stata occupata dal posto di Polizia, che comunque  dovrebbe avere una sistemazione diversa e più consona alle loro attività .

In questi giorni abbiamo ricevuto segnalazioni di casi di donne in cinta con al seguito bambini costrette ad aspettare una decina di  ore nel piazzale con quel caldo e vento infernali .

Hanno aspettato così prima di essere informate delle condizioni di salute di mariti , compagni, genitori.

Il Cobas Le chiede un intervento risolutivo di questa situazione che non depone certamente a favore di un grande ospedale come il Perrino.

Rimaniamo fiduciosi in attesa di una vostra risposta.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.