FDI:”NON VOTARE DOPPIA PREFERENZA DI GENERE È MANCANZA DI RESPONSABILITA’ DI EMILIANO NEI CONFRONTI DELLE DONNE”

Ritirare gli emendamenti, convocare il Consiglio regionale per votare il ddl Emiliano, firmare il decreto di indizione delle elezioni. Lo ha dichiarato il candidato presidente di centrodestra Raffaele Fitto per Fratelli d’Italia, oggi in conferenza stampa con il sen. Ignazio La Russa e il commissario regionale on. Marcello Gemmato.

L’appello è rivolto al presidente Michele Emiliano e alla sua maggioranza per chiudere definitivamente la questione sulla doppia preferenza di genere, ribadendo altresì la volontà di FdI come di tutto il centrodestra di votare il ddl così come firmato dallo stesso Emiliano e come è stato votato già in Commissione affari istituzionali.
 
“Quando la gente è disperata si attacca a tutto”, ha esordito così il sen. La Russa riferendosi ai retroscena del mancato voto sulla doppia preferenza di genere in consiglio regionale da parte di Emiliano e della sua maggioranza. Inquadra poi la questione in un perimetro di responsabilità nei confronti delle donne: “Emiliano e il centrosinistra stanno mettendo a rischio il voto di genere. Se il presidente della Repubblica dovesse non firmare il decreto, si andrebbe a votare senza doppia preferenza di genere. Stanno facendo un calcolo bieco sulla pelle delle donne”. Nel rimarcare il pieno sostegno di tutto il partito alla candidatura di Raffaele Fitto, La Russa si è congratulato per il lavoro svolto in questi anni dai vertici pugliesi; è stato infine il commissario regionale Marcello Gemmato a richiamare il percorso storico di Alleanza Nazionale e di Pinuccio Tatarella, nel sogno di “voler andare oltre”.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.