ORIA (Br).«Per un’ora d’amore, forse… due»: cantanti e canzoni che ci hanno emozionato.In scena domenica

Questo il titolo dello spettacolo che sarà messo in scena domenica sera – alle 21 in piazza Lorch – ad Oria.

L’evento rientra nell’ambito del cartellone estivo, promosso dall’assessorato alla Cultura e al Turismo.

Si tratta di uno spettacolo musicale che rappresenta un ideale racconto sulla musica italiana, in particolare su quella prodotta da artisti scomparsi ma che hanno lasciato tracce indelebili nella nostra cultura musicale.

Sarà il giornalista Vincenzo Sparviero ad accompagnare il pubblico alla scoperta delle vite, delle curiosità ma anche dei percorsi artistici di alcuni grandi cantanti. Poi, di ogni cantante, sarà eseguita una delle canzoni più rappresentative grazie ai musicisti Giovanni Danese e Marco Palmisano e i cantanti Vanessa Nisi e Ettore Donatiello. Il tutto sarà accompagnato da alcuni video scelti e curati da Angelo Dell’Aquila videoproduzioni. La parte tecnica, invece, è affidata ad Andrea Carone.

Lucio Dalla, Pino Daniele, Rino Gaetano, Domenico Modugno, Alex Baroni, Mia Martini, Franco Califano, Sergio Endrigo, Fabrizio De Andrè, Luigi Tenco e Lucio Battisti.

«Uno spettacolo tra i più attesi dell’estate oritana – spiega l’assessore Lucia Iaia -. La musica e le biografie di questi grandi artisti animeranno una serata all’insegna del ricorso e delle emozioni».

Anche la sindaca Maria Lucia Carone attende lo spettacolo: «Sono cantanti che tutti amiamo e domenica avremo il piacere di scoprirli ancora di più e ascoltare le loro canzoni. L’ingresso è libero ma regolato con le norma anti-covid. Appuntamento in piazza Lorch, dunque, domenica 2 agosto alle 21.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.