Dimissioni sindaco Erchie, Macina (M5S): “Ai cittadini chieda scusa per i fallimenti degli ultimi anni piuttosto che il voto per la Regione”

La deputata erchiolana: “Ora occorrerà tirare fuori il nostro paese dalla palude in cui ha languito per così tanto tempo a causa della gestione disastrosa targata Margheriti”  

Roma, 31 luglio 2020 – “Il sindaco di Erchie, Giuseppe Margheriti, ha dichiarato di essersi dimesso per poter andare alla conquista di uno scranno in Consiglio regionale, ma è sotto gli occhi di tutti come lasci un’eredità estremamente negativa dovuta ad un’amministrazione tanto immobile quanto fallimentare, a cui sarà necessario porre rimedio”. Così la deputata erchiolana Anna Macina (M5S). “I disastri disseminati – continua – in questi 13 anni di amministrazione ormai non si contano più e lasciano in dote ‘meravigliosi regali’ per gli erchiolani: penso ad esempio all’impianto di compostaggio a digestione anaerobica e produzione di energia elettrica e biogas, penso agli strascichi di un’indagine che lo aveva visto indagato e posto ai domiciliari, inchiesta poi ‘chiusa’ grazie all’intervento di ‘Santa prescrizione’; oppure penso alla promessa tradita di risolvere in 6 mesi i problemi del  Piano Urbanistico Generale, sul cui argomento sono passati 5 anni e non c’è alcuna soluzione. Eppure, lo aveva brandito come vessillo di propaganda durante la campagna elettorale del 2015. Per anni – incalza Macina – Margheriti ha inchiodato Erchie ad un immobilismo estremamente rovinoso, da cui i nuovi amministratori dovranno tirarla fuori perché la città possa splendere. Anziché il voto per le Regionali, agli erchiolani Margheriti deve solo chiedere scusa” conclude.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.