Mesagne (Br).Misciagni: quarantena, pinzieri, canzoni e poisii, sabato 8 agosto in Piazza Orsini del Balzo

Una serata divertente, spensierata, con tanta musica dal vivo ma che, certamente, servirà a lasciare in ciascuno un briciolo di riflessione. È nata così l’idea di organizzare lo spettacolo.

Il lockdown, che ci ha costretti a stare per un po’ di tempo chiusi in casa, ci ha dato l’occasione per fermarci e pensare. Abbiamo ricordato fatti, situazioni e personaggi del nostro passato. Siamo ritornati bambini, adolescenti, giovani. Siamo stati assaliti dalla nostalgia, nostalgia del passato, nostalgia, anche, delle cose semplici alle quali, per la routine e per la corsa della vita, avevamo dato scarsa importanza. E invece quelle cose normali ci sono, di colpo, apparse di straordinaria importanza”, il poeta mesagnese Emanuele Castrignanò coomenta così la serata che si svolgerà sabato 8 agosto alle ore 20 in Piazza Orsini del Balzo.

Conclusasi la “quarantena”, ma non il pericolo, eccoli; sul palco: Emanuele Castrignanò, con i suoi racconti e le sue poesie; I Monelli (“La Compagnia Group”), che interpreteranno i brani revival anni ’60 e ’70, colonna sonora della vita di diverse generazioni che suscitano ancora oggi, a molti, particolari ed intense emozioni; l’enfant prodige, il professor Roberto Rosato che, con i suoi virtuosismi, s’inserirà nella esibizione dei brani musicali. L’organizzazione raccomanda la massima puntualità e di munirsi di mascherina; l’ingresso è libero, i posti contingentati. L’iniziativa è patrocinata dal Comune di Mesagne nell’ambito della rassegna estiva promossa dall’Amministrazione Comunale.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.