Brindisi. Detiene illegalmente fucile e munizioni nascosti in un terreno, arrestato. Denunciata anche una persona che nel medesimo terreno coltivava 132 piante di cannabis indica.

I Carabinieri della Stazione di Brindisi Casale, coadiuvati nella fase esecutiva dal team dei Carabinieri Cinofili di Modugno (BA) per la ricerca di sostanze stupefacenti insieme al cane Quentin, all’esito di un servizio preordinato di osservazione, hanno:

–   tratto in arresto per detenzione illegale di armi comuni da sparo e detenzione abusiva di armi e munizionamento, Eboli Giancarlo, 59enne del luogo, poiché trovato in possesso, nascosto nel terreno di pertinenza della sua abitazione, di un fucile marca Beretta calibro 12 a canne tagliate e con matricola abrasa, oltre a 6 cartucce a palla asciutta non denunciate e diverso munizionamento spezzato, dello stesso calibro, di libera vendita ma che il prevenuto aveva il divieto di detenere a seguito di condanna;

–   denunciato in stato di libertà per produzione illecita di sostanze stupefacenti un 55enne del luogo, poiché nel citato terreno di proprietà dell’Eboli, avuto regolarmente da questi in locazione, aveva coltivato 132 piante di cannabis indica, con infiorescenze.

Le piante sono state sradicate e sequestrate. L’arrestato, al termine delle formalità di rito, è stato tradotto presso la casa circondariale di Brindisi.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.